Il mio volo da UB passa per Hong Kong, ci vogliono un paio d’ore prima del volo di collegamento con Cathay Pacific Airlines, e finalmente arrivo a Bangkok alle 8 di sera. Prendo un taxi per un ostello vicino all’aeroporto. Dopo tutte le sfide nella GDR, arrivare qui mi è sembrato così facile. Tutto è facile quando tutti parlano inglese. è stato facile trovare la strada, facile trovare un luogo adatto per mangiare, e facile trovare un posto dove pernottare. La Tailandia è come la mia seconda casa ed è stato così bello essere ‘a casa’.

 

Ho pochi giorni per rilassarmi in Tailandia prima che la mia moto arrivi, così decido di andare a Pattaya per 2 notti. Ci sono un sacco di cose e luoghi da vedere qui, e non è la mia prima volta in questa città del sesso, mi è piaciuto il cibo halal (finalmente) e ho camminato per le strade di notte che sono gremite di ragazze sexy che ballano sui pali. Beh, non è il mio genere di cose in realtà, quindi la maggior parte del tempo ho preferito oziare sulla spiaggia e osservare la gente.

Torno a Bangkok con i mezzi pubblici e prendo la metropolitana per l’ambasciata malesiana. La signorina Aishah, che fa parte del personale, mi è stata presentata da un altro amico, è così gentile da farmi restare a casa sua, anche se lei è via per le vacanze. Arrivo alla vigilia di Eid Qurban, e sono ancora una volta fortunata che la mia ospite, oltre a darmi le chiavi di casa, mi lascia anche alcune prelibatezze Eid da mangiare. Mmm … buonissime …

 

Nel frattempo, rimango in contatto con Thai Yamaha Motor a Bangkok che ho conosciuto tramite Mr Lee CW dell’ Hong Leong Yamaha Malesia. Sono molto felici di sapere che sono arrivata e si sono offerti di aiutarmi. Sono stata informata che i capi avrebbero voluto incontrarmi. Dal momento che la mia moto è arrivata, ricevere l’offerta è stato come vincere la lotteria che non avrei potuto resistere dunque ho accettato volentieri. La mattina seguente, il sig Nikhom e Miss Yi vengono a prendermi. Mi accompagnano all’aeroporto per l’autorizzazione della moto.

 

Non è facile riunirmi con la mia piccola. Anche con l’assistenza del signor Nikhom e Miss Yi, non è stato comunque facile, in quanto entrambi non hanno esperienza nell’autorizzazione di motociclette. La procedura di liquidazione è ostacolata dal comportamento del personale all’ingresso dell’aerea cargo che mi ha fatto incazzare. Un tizio del personale ha insistito affinchè accettassi il servizio dell’agente ma ho rifiutato. Lui (e l’agente) mi dicono che il procedimento per la liquidazione sarebbe stato complesso e avrebbe richiesto molto tempo. Ho gentilmente rifiutato l’offerta soprattutto quando l’agente ha chiesto THB3000 per il suo servizio (escluse le spese obbligatorie). Mi hanno quasi obbligata, dicendomi ripetutamente che sarebbe stato difficile darmi il pass FZ per entrare nella zona cargo. Comincio a perdere la pazienza. Non hanno il diritto di forzarmi. So che il personale avrebbe cercato di ottenere una sorta di commissione da parte dell’agente se avessi ceduto alle loro ‘minacce’. Per fortuna ho visto un ufficiale e chiesto aiuto. A malincuore il personale mi ha dato il pass, ma io ho già perso un’ora per questo.

La procedura di liquidazione non sarà stata così semplice, ma non è stata neppure troppo difficile, solo un sacco di spostamenti da un edificio all’altro. Come al solito, il primo posto dove andare è l’ufficio di carico (Thai Cargo), per ottenere la copia AWB e individuare il relativo magazzino dove è stata mantenuta GD. Poi ho dovuto andare alla dogana per la dichiarazione. Sono dovuta tornare a Thai Cargo per la firma dei documenti e le tasse (solo THB1330), poi andare al piano di sotto al magazzino per altre firme, per individuare la cassa, passare attraverso l’ispezione, di nuovo firme e voilà … finalmente ho riavuto la mia piccola.

Dal momento che è già tardi una volta finito con GD, e che per assemblare le parti che sono state smantellate dalla moto ci sarebbe voluto un po’ di tempo, il sig Nikhom ha suggerito che GD venisse riportata al HQ sul camioncino della società. Siamo tutti molto stanchi così accolgo il suo suggerimento. Il signor Nikhom mi ha rimandato all’ambasciata malese. La mattina seguente, entrambi passano di nuovo a prendermi e mi portano alla loro sede. All’arrivo, rimango sorpresa nel vedere che GD è stata assemblata e anche l’olio è stato cambiato. E’ stato così gentile da parte loro. Poi è arrivato il momento per me di incontrare i capi. Mi hanno dato un caloroso benvenuto da parte del management, incluso l’onorevole Atsumi che si è recentemente trasferito qui dal Giappone. Mr Atsumi è stato uno dei più importanti personaggi di YMC Giappone che il signor Lee CW Yamaha Malesia avrebbe contattato per gestire il sostegno di cui avrei avuto bisogno durante il mio DDR.

Dopodichè il signor Nikhom mi invita per un pranzo sontuoso a base di cucina tailandese. Il Tomyam e’ delizioso.

 

Il giorno seguente parto presto per sfuggire al traffico mattutino. Mentre in sella alla mia moto, non posso far altro che sorridere ricordando la mia prima volta in sella dentro e fuori Bangkok nel 2012. La strada era così occupata dal traffico e dato che ero nuova nel campo in quel momento, mi ricordo che era stato molto stressante per me . Da allora, non ho mai voluto rientrare a Bangkok. Preferivo girare in tondo ogni volta che volevo andare nella parte orientale della Thailandia. Ora, dopo tutte le sfide nella GDR, dopo tutte le difficoltà nel leggere i cartelli in cirillico, dopo aver percorso le spaventose grandi autostrade per entrare o uscire da grandi città come Seattle, Las Vegas, San Diego, Lima, BsAs, Ldn, Madrid, Roma, Teheran ecc, Bangkok non sembra più così difficile o spaventosa. Lo stesso vale per i lunghi camion che non mi spaventano più come l’ultima volta. E ‘stato perché avevo sperimentato in sella (e avevo superato) un camion molto più grande sulla I-5 (N & S) in California, che proseguiva a 130 chilometri all’ora come minimo. Giusto per menzionare una delle difficoltà che ho superato durante questo anno …

Esco da Bangkok senza difficoltà e mi dirigo verso sud. E ‘stato facile guidare sulla strada 4, a me familiare. C’è un dolce vento lungo Prap Khiri Khan fino a Chumphon e un sacco di lavori stradali lungo questo tratto, cosicche’ un lato della strada deve essere condiviso. Mi fermo presso una pensione a Chumphon appena prima che una pioggia molto pesante colpisca la zona.

 

Non ho dormito bene la notte scorsa. Forse sono riuscita a dormire solo un’ora. Anche in questo caso, il motivo sono commenti d’odio verso di me da parte dei lettori per l’ultimo articolo sul successo di GDR. E ‘ estremamente nauseante leggere quello che hanno scritto. Oggi, anche se assonnata, devo farmi 500km fino a Dannok. Dannok è una piccola città situata in Thailandia – al confine con la Malesia. Non vedo l’ora di incontrare i miei amici che sono venuti da KL per darmi il benvenuto qui, soprattutto la mia migliore amica, Zana. Ho trovato Paramount Hotel, l’albergo dove ci siamo accordati di rimanere per la notte. Incontro alcuni motociclisti del club Lanun Bikerz, e il presidente, Jai (che è anche il marito di Zana) presso la hall. E ‘ una giornata molto calda oggi e mi sento svenire, così Jai mi aiuta con il check-in e mi chiede di prendere una pausa nella mia stanza. Appena mi dirigo verso la stanza, mi imbatto in alcuni dei miei amici più stretti, Sue, Rosa e la mia migliore amica Zana. È un momento di commozione dove ci abbracciamo e baciamo tutti. E ‘ un sogno incontrare di nuovo tutti i miei cari. Abbraccio Zana per un tempo molto lungo. Per un minuto o poco più dalle mie labbra non esce nulla, tranne singhiozzi e grida. Ci abbracciamo come una coppia profondamente innamorata, ma non pensate male. Siamo solo migliori amiche. Mi e’ mancata così tanto.

Quando finalmente riesco a controllare le mie lacrime ed emozioni, solo allora noto una figura sullo sfondo che, con una videocamera, ha catturato ogni momento della scena. Sento chiamare il mio nome. La sua voce mi sembra molto familiare. Chi è? Mi ricorda Deborah, la mia ospite in Temecula. È davvero lei? O mio dio, è lei! Vedo suo marito Mark in piedi vicino alla porta. O mio dio! Urlo e piango e mi commuovo nuovamente, tutto in una volta, abbracciando forte Deb, mentre lei ride e mi dà una pacca sulla schiena dicendomi: “Vedi, ce l’hai fatta. Sapevo che ce l’avresti fatta”. Tutte queste emozioni mi hanno stancata molto rapidamente. Non riesco a credere che fosse davvero lei. Lei e Mark hanno volato dagli Stati Uniti alla Malesia solo per darmi il benvenuto a casa. E ‘stato incredibile. Devo pizzicarmi un paio di volte per essere sicura che tutto questo sia reale e di non star sognando. Non avrei mai potuto immaginare che qualcuno avrebbe fatto una cosa così per me.

Dopo aver finito con i pianti, gli abbracci e I baci, scherziamo e ridiamo di nuovo seduti per terra. Oh come amo i miei amici!

 

Piu’ tardi incontro altri amici, Yongsuzi e suo marito, Lee Panjang, sis Mira Yaacob, e gli amici del convoglio Lanun Bikerz. E cosi’ bello che uno di loro abbia percorso più di 500km da KL per incontrarmi qui. Facciamo una bella chiacchierata a cena e Thai TV mi intervista.

Anche oggi come il giorno precedente, riesco a dormire solo 1 ora. Non importa quanto stanca sia, non riesco a chiudere gli occhi per dormire. Troppe cose mi distraggono la mente. Mi sveglio con le vertigini, è il mio grande giorno così mi costringo a rimanere concentrata. Alle 9.30, tutti siamo radunati fuori dall’hotel con i nostri mezzi e ci spostiamo verso il confine. Timbro il passaporto nel nuovo edificio per l’iimmigrazione in Thailandia e mi arrendo ai moduli doganali. Poi è la volta della parte malese e sorrido da un orecchio all’altro nel vedere la frontiera di Bukit Kayu Hitam. I doganieri hanno il privilegio di intervistarmi anche se prima ho bisogno di ottenere il mio carnet timbrato dal loro ufficio (come prova che ho riportato la mia moto in Malesia). Gli ufficiali, tra cui gli addetti all’immigrazione, si sono congratulati con me e abbiamo fatto delle foto insieme.

 

è ancora presto così ci fermiamo tutti per un po ‘accanto all’ufficio immigrazione. Altri motociclisti da Lanun e Yamaha FZ si uniscono a noi. Jai dice che alcuni mi accompagneranno mentre i restanti potranno entrare nel locale e attendere il nostro arrivo. Alcuni dei miei fan e seguaci stanno già aspettandomi dal mattino così hanno colto l’occasione per scattare foto anche con me. Mi sento una superstar 🙂 Alle 11, quelli che mi hanno scortato hanno marciato con le moto fino alla stazione di polizia (il luogo in cui Givi ha montato le tende per l’evento del mio ritorno a casa), con me in prima fila. Durante la guida di GD, il mio cuore batte così veloce e i miei occhi si riempiono di lacrime nel vedere come calorosa è stata l’accoglienza data dalla Givi Malesia ed i miei sostenitori che fiancheggiano la strada. I flash delle fotocamere mi accecano gli occhi mentre i giornalisti (molti) cercano di ottenere gli scatti migliori. Sono stata accolta dalle autorità e il direttore generale di Givi Malesia, Sig. On Hai Swee. Peccato che il signor Giuseppe Perucca, direttore operativo Givi, uno tra i pochissimi ad aver creduto in me fin dall’inizio e a non aver mai avuto dubbi nelle mie capacità, e anche Edwin, della Givi, che si è impegnato un sacco per la preparazione del ritorno a casa, non hanno potuto essere qui in questo momento speciale. Amiche e amici biker da Lady Bikers Malesia arrivano di corsa e mi abbracciano, compreso la mia cara amica Mastura che è venuta con suo marito Ajax e i bambini. Ho notato non meno di 60 grandi biciclette parcheggiate presso la sede e circa 100 persone si sono riunite e fuori della tenda. E ‘successo tutto troppo in fretta e ancora una volta mi sento come se fossi in un sogno.

Dopo una serie di discorsi (che sono stati interrotti dall’arrivo dei miei figli e gli abbracci emotivi e lacrime di nuovo), interviste con i media, una telefonata diretta tv, e una sessione di foto con i fan, gli amici e la squadra Givi che ha lavorato molto duramente per organizzare l’evento, sono partita per la mia città natale Ipoh, che dista circa 300km.

Anche in questo caso, sono in testa con 10 ciclisti che mi seguono da Lanun. Mi accompagnano a casa di mia madre. Mia madre non si sente bene, quindi non è riuscita a recarsi al confine per l’evento organizzato in occasione del mio ritorno a casa. Sorprendentemente, ci sono giornalisti che mi aspettano anche a casa di mia madre. Mi ricordo il giorno in cui ho lasciato il mio paese un anno fa, non un solo giornalista aveva scritto di me. Ora che ho fatto ritorno con successo, sembra che il mio GDR abbia scatenato un fenomeno in tutto il paese.

 

Stanchezza, mancanza di sonno e momenti emotivi ripetuti mi stanno lentamente condizionando. Quando riesco ad abbracciare mia mamma e mia sorella, verso solo lacrime di felicità. Ringrazio Dio per avermi tenuta al sicuro durante il mio viaggio e per avermi permesso di tornare a casa in sicurezza. Dopo tutte le sfide nella GDR, ci sono state innumerevoli volte in cui ho pensato che non avrei più rivisto la mia famiglia, è difficile credere di essere finalmente tornata tra le braccia dei miei cari.

Con questo, il mio GDR è giunto al termine. Mille grazie a Givi Malesia per l’organizzazione dell’evento e per un meraviglioso ritorno a casa. Un evento memorabile per me che ricorderò per sempre. Grazie a tutte le persone che hanno dato una mano e sono venute per festeggiare il mio giorno di vittoria, in particolare Deb e Mark che hanno percorso tutto il tragitto dagli Stati Uniti. Un ringraziamento particolare va anche ai miei sponsor, Givi Malasia, Givi SRL Italia, Hevik, e Hong Leong Yamaha Motor. Anche molte grazie a Lanun Bikerz, LBM, Dato Raja e Datin Yan, tutti i miei ospiti, i donatori, amici, fan e seguaci per il sostegno e le preghiere durante il mio giro. Che Allah vi ripaghi tutti per il vostro aiuto e la vostra gentilezza.

Tutti i ricordi di sangue, sudore, dolore e lacrime durante GDR sono ormai storia non solo per me, ma anche per il mio paese, nonché, per il fatto di essere la prima donna musulmana a guidare in solitaria intorno al mondo. GDR non è solo un giro sfizioso per vedere il mondo, ma è un viaggio, e la strada è la mia miglior maestra da essa ho imparato molto sulla vita e le persone. Sono tornata una persona diversa. Una persona migliore … per la mia gente, il mio paese e la mia religione …

Un viaggio di 1001 storie…

FINE

IT – AreYouAnEXP

FOLLOW US

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI