È un mattino molto nebbioso quando mi dirigo verso Aracena in Portogallo tramite N433. Alle volte la mia visuale è limitata a soli 50 m, ma ho avuto esperienze peggiori, quindi tutto ok. Poi la pioggia ha iniziato ad andare e venire per tutto il tragitto. Brrrrr. La strada secondaria in Portogallo non è bella come in Spagna. È più stretta e a tratti irregolare, ma non c’è molto traffico quindi va bene. E per il vento? Simile a quello su Ruta 40 (forse questa volta un po’ meno), il vento riesce a far aprire il velcro del mio porta gps sulla mia borsa da serbatoio. Non importa quante volte l’ho richiuso, la chiusura in velcro continua ad aprirsi, e il velcro sulla mia borsa da serbatoio Givi Italy è di ottima qualità. Huhh… per farvi capire quanto forte fosse il vento. Ci ho messo quasi 7 ore a percorrere 451 km per arrivare a Lisbona. Il sole è spuntato per 20 minuti in tutto il tragitto. È stato un viaggio freddo e umido. Tuttavia i fiori selvatici erano in piena fioritura. Mi è sembrato di guidare in Kazakistan. Fiori selvatici gialli, rossi, rosa, viola e bianchi… meraviglioso.
53_Anita_GLOBAL DREAM RIDE_Portugal

Rimango 2 notti a Lisbona e riesco a visitare il punto più a ovest d’Europa, Cabo Da Roca. Questo luogo è a 40 km dalla capitale lungo una strada tortuosa e stretta. L’entrata è gratis. Questo posto mi ricorda Lands End a causa delle sue scogliere rocciose, il mare sottostante e i dintorni.
55_Anita_GLOBAL DREAM RIDE_Portugal

56_Anita_GLOBAL DREAM RIDE_Portugal

 

Ho anche visitato il quartiere in centro Baixa, e a Belem mi sono rilassata davanti al mare guardando le onde e i gabbiani.

 

57_Anita_GLOBAL DREAM RIDE_Portugal
60__Anita_GLOBAL DREAM RIDE_Portugal

L’EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO


PROSSIMA TAPPA:
RITORNO IN SPAGNA E FRANCIA

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI