Era piuttosto freddo quando mi sono diretta verso il confine tra la Namibia e la RSA per la N7 alle prime luci del mattino. Il sole stava sorgendo e proiettava lunghe ombre di me e GD sulla strada deserta, ma con viste di montagna spoglie mozzafiato. Il bello e drammatico cambiamento geologico negli ultimi chilometri mentre mi avvicinavo al confine mi fece impazzire. Amo questo genere di sensazione, un sentimento che desideravo riprovare da quando ho fatto il mio ultimo lungo viaggio in Nuova Zelanda un anno fa. Sono solo io, la mia moto, la strada tranquilla e la bellissima vista … e nient’altro importa…

Attraversare il confine è stato semplice. Una volta fatto, ho preso la strada C13 come suggerito dal mio amico avventuriero, Uwe. La vista delle montagne spoglie lungo la strada per Aussenker era stupenda, a volte, mi sembrava di essere in Cile. Nonostante la terra sterile, c’erano campi verdi di vigneti qua e la. I lavoratori, caricati sul retro di un camion, venivano trasportati dal loro villaggio al campo. Le loro case nel villaggio erano fatte principalmente di zinco e bastoni legati insieme, e molto piccole. La strada asfaltata finì molto presto sostituita da una strada sterrata lungo il bellissimo fiume Orange (ma blu). È stato davvero un giro da togliere il fiato sulla C13. 100 km su sterrato (a tratti corrugato) e alcuni tratti su ghiaia dove si può andare da 60 a 80 kmh, ma ci ho messo 2 ore per completarla perché mi son fermata moltissime volte per le foto. Comunque, è stata una giornata molto calda e sono quasi svenuta quando sono arrivata ad Aus dopo aver guidato per 11 ore sotto il caldo fiammeggiante e il vento non troppo amichevole.

La mattina dopo, sono ripartita alle 8 del mattino con l’intenzione di andare a Sesriem. Ho guidato lentamente sulla strada sabbiosa della C13 mentre osservavo gli struzzi. Dopo 3 km, guidare è diventato difficile perché c’erano molte creste di sabbia. Mi mancava la pratica di guidare su sabbie soffici come questa. Dopo 1 ora di guida super lenta, sono riuscita a coprire solo 20 km. Erano le 9 e la temperatura era già di 40°C!!! Ho iniziato a bollire sotto la mia attrezzatura da moto. Non c’era un riparo e intorno a me c’era solo sabbia. La strada era così deserta. Era un’ora che viaggiavo e nemmeno un’anima in giro. C’era ancora una lunga, lunghissima strada da fare fino a Sesriem. Il caldo alle 9 del mattino mi stava già uccidendo, mi chiedo quanto caldo farà a mezzogiorno?

Ho fermato la moto e ho riconsiderato l’idea di andare a Sesriem. Uwe mi aveva detto che la strada sterrata in Namibia avrebbe potuto essere buona o cattiva, a seconda di quando è stata raschiata l’ultima volta. Ovviamente questa strada non era stata raschiata da un bel po’ di tempo. Il sole stava diventando più caldo e stavo sudando parecchio. Ho iniziato ad avere le vertigini e il fiato corto: i sintomi del colpo di calore. Non è saggio correre il rischio con questo caldo in questo luogo deserto e senza riparo. Chi mi aiuterà se svengo? Non voglio morire disidratata in questo deserto. Devo prendere una decisione veloce ora. Alla fine, ho deciso e sono tornata indietro.
Altri 20 km di sabbia soffice mi hanno fatto sprecare 2 ore da quando ho iniziato questa mattina. La mia nuova destinazione ora è Windhoek, la capitale della Namibia. È una lunga strada per Windhoek sulla B1 e la vista era piena di cespugli, piccoli alberi e bellissime montagne sabbiose.

Più tardi nel pomeriggio, ho iniziato a sentire un po ‘di vento e ho deciso di fermarmi per pranzo a Mariental. Mi sono fermata in un’area di sosta. Il sedere mi faceva troppo male e le mani erano insensibili dopo il lungo viaggio senza soste. Mentre mi godevo il pranzo al sacco, vidi un ragazzo scalzo che correva verso di me. Si sedette sulla panchina opposta e mi guardò con gli occhi tristi. Dopo un po’, il ragazzo iniziò a frugare nel bidone della spazzatura. Trovò una bottiglia di Coca non finita e la bevve. Continuò a scavare e riuscì a trovare una scatola di latte. Scosse la scatola quasi vuota e la strappò per riuscire a leccare il latte rimanente. Stavo assistendo a tutto questo come se guardassi un dramma in TV. Mi si è spezzato il cuore per questo ragazzo. Soprattutto quando mi ha guardato di nuovo e ha chiesto: “Hey, puoi comprarmi qualcosa da mangiare?” Non riuscivo più a trattenere le lacrime, ma non volevo piangere di fronte a lui. In fretta mi infilai il casco, aprii il mio bauletto, presi un pacchetto di biscotti e un po’ di soldi e li feci scivolare nella mano del ragazzo. Il ragazzo corse velocemente da un altro bambino, che credo fosse suo fratello. Continuai a guidare con le lacrime che scorrevano lungo la faccia, ricordando ciò che avevo appena visto. Sono sicura che questo non sarà il primo e ultimo dramma che vedrò qui in Africa.
È stata una lotta arrivare a Windhoek. Il vento, il lungo rettilineo, il caldo … le mie labbra si spaccavano dappertutto e sentivo molto dolore. Tuttavia, non potevo perdermi l’opportunità di farmi un selfie di fronte al cartello “Tropico del Capricorno”.


 
A Windhoek, sono riuscita a fare rapporto all’ambasciata della Malesia. Sono stato ricevuta dall’Ambasciatore, SE Hishamuddin Ibrahim, una persona molto socievole. Mi ha invitato a rimanere nella sua residenza ed ho accettato di buon grado. Alla residenza, ho incontrato sua moglie, Madam Ida, che è anche un’ottima cuoca ed ho gustato una cena deliziosa con tutta la famiglia dell’Ambasciatore.
Ho detto momentaneamente addio ai miei fantastici padroni di casa e mi sono diretta verso Swakopmund, una località turistica sulla costa occidentale della Namibia. La distanza da Windhoek a Swakopmund è di circa 360 km sull’autostrada B1 e B2. Come al solito la strada, anche se è un’autostrada, era sempre deserta. C’erano alcuni posti di blocco lungo l’autostrada. Avvicinandosi a Swakopmund, si vedono aumentare le dune. Mi dirigo verso la Duna 7 attraverso la rotta D. La strada era ancora parzialmente in costruzione. Sono arrivata alla Duna 7, la più alta duna della Namibia, alta circa 383 metri. Alcune persone sono salite sulla duna, ma io no, sono troppo pigra.
Sono tornata alla residenza dell’Ambasciatore dopo una notte a Swakopmund. La cena era favolosa. Il menù prevedeva pollo al curry, verdure fritte miste, sambal e frutta. Dopo cena è arrivata una torta, con mio stupore.  Madam Ida mi ha chiesto di sedermi. Ero confusa fino a quando mi hanno cantato una canzone di buon compleanno. Oh mio Dio! Mi veniva da piangere. Come faceva a sapere che il giorno dopo sarebbe stato il mio compleanno? Sono rimasta profondamente colpito dalla gentilezza di questa famiglia. Grazie.

Mi sono diretta verso Opuwo. All’arrivo, sono stata sommersa dalle donne locali Himba che mi hanno offerto i loro beni consistenti principalmente in collane di perle e braccialetti. Le donne, alcune in topless, alcune in reggiseno e alcune che portavano i loro bambini in un sarong sulla schiena, mi hanno convinto a comprare le loro cose. Mi sono guardata intorno e mi sono emozionata. Questo è stato il motivo per cui ho guidato dal sud fino al nord della Namibia, raggiungendo quasi il confine namibiano-angolano. Per vedere e incontrare gli Himba, una delle tribù africane che vive ancora secondo lo stile di vita dei loro antenati.Più tardi nel pomeriggio, ho fatto una passeggiata e ho oziato a una fermata dell’autobus, e lì c’erano gli Himbas e gli Herero, un’altra tribù residente in Namibia. A differenza degli Himbas che indossavano abiti molto minimal, gli Herero erano eleganti. Mi è piaciuto vedere le donne nei loro abiti colorati con cappelli abbinati, camminare per strada con un ombrello in mano. Per quanto riguarda gli Himbas, ne rimangono circa 50 mila in Namibia. La maggior parte delle donne sono in topless e hanno crema di ocra rossa mescolata con burro sulla loro pelle per proteggerle dal caldo implacabile, quindi all’apparenza sembravano rosse. Hanno davvero una bella pelle. Hanno intrecciato i loro capelli e li hanno coperti con argilla ?? (Non ne sono sicura) ma i capelli sembravano molto ruvidi come code di  cavallo. È interessante vedere il diverso stile di intrecciatura dei capelli che indica diversi status nella loro comunità. Anche gli accessori che indossano, davvero unici. Alcuni di loro camminavano scalzi e altri indossavano sandali tradizionali fatti con la pelle. Vedendo di persona tutto questo, ho trovato il significato di una citazione di un amico. “Puoi trovare l’Asia in Europa. Puoi trovare l’Europa in America. Ma non puoi trovare l’Africa altrove… l’Africa si può trovare solo in Africa.”

Dopo Opuwo, ho guidato verso est in direzione di Caprivi Strip. Il paesaggio è cambiato da deserto arido a più verdeggiante. Ho potuto vedere molti animali che bevono acqua nelle pozzanghere nella zona erbosa. Ho attraversato tanti piccoli villaggi. Le case avevano uno stile unico. Per quanto riguarda la gente del posto, i bambini indossavano vestiti strappati, gli uomini oziavano sotto gli alberi per ripararsi dal caldo, mentre le donne, per lo più a piedi scalzi, facevano tutto il duro lavoro come portare legna da ardere in testa e secchi d’acqua in mano, era ingiusto.

Mi ci sono voluti 3 giorni per raggiungere Katima Mulilo, una piccola città vicino al confine tra Namibia e Botswana. E’ stato un viaggio teso dal momento che stavo guidando nel Parco Nazionale di Bwabwata nella regione dello Zambezi, dove non c’è recinto, quindi la fauna selvatica può improvvisamente sbucare fuori dai cespugli. C’erano molte segnali sugli elefanti, che ricordavano agli utenti della strada di essere sempre all’erta. I primi 80 km oggi sono stati molto silenziosi. Non ho incontrato nessun essere umano o veicolo. Non si scorge nemmeno una casa o un villaggio. Ad essere onesti, sono spaventata. Solo dopo aver percorso 100 km, ho visto un piccolo insediamento di una tribù povera, con case piccolissime.  Ho raggiunto Katima e ho pernottato in un piccolo ostello dove ero l’unica ospite . L’addetto alla reception è andato via alle 7 di sera e mi ha lasciato con l’addetto alla sicurezza che ha portato un suo amico. Entrambi erano ubriachi quella sera e mi hanno infastidito, hanno continuato a bussare alla mia porta e mi hanno chiesto di unirmi a loro. Ho detto loro che ero stanca e avevo bisogno di dormire!!! Si sono messi a ridere. Sono andati avanti a disturbarmi fino a mezzanotte e sono riuscita a fare solo un sonnellino mentre tenevo in mano un coltello e uno spray al peperoncino sotto il cuscino.

 

GUARDA LA GALLERY

LEGGI ANCHE

IT – AreYouAnEXP

FOLLOW US

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI