Sospensione in sospeso

Dopo aver guidato con il mio ammortizzatore posteriore rotto per oltre 4 settimane, 6000 km, attraversando 4 paesi, diversi passi di montagna e piste fuori strada, sono stato informato che il mio nuovo ammortizzatore era arrivato in Uzbekistan. Il mio vecchio era esploso in l’Iran e nonostante diversi ritardi e incertezze considerando anche le pratiche doganali, sono contento di avercela fatta!

Torno a Tashkent e con l’aiuto del club Uzbekistan Bikers trovo un’officina per montare gratuitamente al mio nuovo ammortizzatore. Che comunità fantastica! La mia Belle è di nuovo a posto e va bene!!

 

Non scherzare mai con una ragazza

Tornato in ostello scherzo con una ragazza e le dico che se vuole un passaggio sulla mia moto per qualche giorno, è meglio che compri un casco…
E così ha fatto!

Due giorni dopo Irene e io lasciamo Tashkent : la mia Belle è sovraccarica, sottopotenziata, con il passeggero sul sellino, con tutta la mia attrezzatura , con il suo zaino pieno di attrezzatura da trekking E anche cibo per un paio di giorni. In qualche modo ce la fa ed ha continuato a correre! Ancora non riesco a credere a come abbiamo fatto…

Prima destinazione? Laghi glaciali Kulikalon nel Tagikistan settentrionale! Salire questa pista di ghiaia è un bel giro. 60 km di piste fuoristrada con una moto sovraccarica, in due e con la ghiaia era impossibile: facevo costantemente impennate indesiderate e quando questo non accadeva, la mia ruota posteriore slittava. Di conseguenza, ho mollato la mia autostoppista e l’ho lasciata camminare su per la montagna. Non è stata una mossa da gentiluomo, ma fortunatamente pochi minuti dopo è riuscita ad avere un passaggio ed scesa dall’auto dopo la parte più ripida. Arriviamo esausti al rifugio di montagna e ordiniamo alcuni eccezionali piatti tradizionali del Tagikistan: una bella zuppa di carne spessa con insalata e pane.

Ci svegliamo presto per iniziare la nostra escursione in montagna. Sudando nei nostri stivali, la gente del posto ci sorpassa quasi correndo su per la montagna con infradito e bagagli di alcuni turisti. Assolutamente incredibile! Che razza stupida e debole siamo noi occidentali….

Due ore più tardi, arriviamo in questo luogo gratificante: diversi laghi glaciali a più di 3000 m di altitudine con ghiacciai mozzafiato e ripide scogliere sullo sfondo. Sono freddi, molto freddi, ma certamente rinfrescanti per nuotare!

 

Malato da morire e vodka come cura

Salendo la valle dei sette laghi va un po ‘meglio rispetto all’altro giorno, ma il sole sta tramontando e finiamo per guidare al buio. Forse è stato meglio non aver visto troppo dato che c’erano alcuni percorsi poco raccomandabili con scogliere ripide che vanno direttamente nell’acqua acqua ghiacciata!

Troviamo una piccola pensione al quinto lago e decidiamo di fermarci un giorno. Il Tagikistan è noto per essere molto rude, molte alte montagne con valli strette e rocce ovunque. Questa valle non è diversa, ma ci sono sette laghi su un tratto di 20 km che sono come una verde vena serpeggiante nella valle e di conseguenza ci sono lussureggianti alberi verdi, campi coltivati, mucche , capre e bambini felici. Avendo alcune birre, cibo e ovviamente vodka entriamo felicemente in per la notte.

La mattina dopo, mi sveglio con la peggiore sensazione intestinale mai avuta. Credo di aver mangiato qualcosa di sbagliato. Deve essere stato quel tramezzino (davvero delizioso) che ho mangiato giù nella valle. Cerco di mangiare un po’ di riso e latte come colazione, ma sono costretto a sdraiarmi a causa della forte nausea e dei diversi problemi intestinali

Un gruppo di turisti locali ci invita ad unirci a al loro tavolo. Prendo un po’ di anguria e rifiuto gentilmente la vodka offerta. Uno dei ragazzi (che potrebbe essere stato un medico) insiste sul fatto che un paio di vodka con sale aiuterebbero il mio malessere. Non siamo riusciti a capire se fosse realmente un medico o no, ma un goccio l’ho bevuto ugualmente.

Dopo 3 giorni di seria malattia, finalmente mi sento un po’ meglio e ci siamo lentamente diretti verso Panjakent, una città di confine con l’Uzbekistan. Ci salutiamo dato che Irene deve tornare a casa e io sono pronto ad esplorare le montagne Pamir!

 

Proiettili e Afghanistan

L’autostrada Pamir (o M41) in Tagikistan è la seconda “autostrada” più alta del mondo che sale a 4655 m di altitudine.

Anche se è considerata un’autostrada, è ancora un molto lontana da quella che gli europei considerano un’autostrada. Il Belgio non ha autostrade belle, ma questa è una dimensione completamente nuova! Fuori strada, sabbia, attraversamenti fluviali, scivoli di terra, fango e buche. Per qualcuno paradiso, per altri inferno…

Vedendo l’Afghanistan sul lato destro del fiume, mi chiedo come sia veramente lì. Nessun governo adeguato, corruzione, gruppi di guerriglia, terrorismo, povertà? Onestamente non ne ho idea e mi dispiace per la gente dal momento che sembra un bel paese! Peccato che sia considerato un po’ pericoloso e quasi impossibile da attraversare. Trovo un proiettile AK47 sul ciglio della strada e lo conservo come promemoria del fatto che dovremmo essere soddisfatti di quello che abbiamo.

Guido fino a Rushon e mi preparo per la Bartang Valley! Dicono che dovrei essere pronto a tutto: frane, attraversamenti fluviali, strade allagate, vertigini, mal tempo, natura incontaminata e persone amichevoli. Vedremo!

 

GUARDA LA GALLERY

EQUIPAGGIAMENTO MOTO

Per chi vive il viaggio in moto come un’avventura, GIVI propone un’ampia gamma di accessori dedicati alle situazioni piu estreme:

Givi Adventure attitude

LEGGI ANCHE

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI