Abbiamo scelto di visitare una parte dell’Asia. Innanzitutto, abbiamo fatto un viaggio di 33 ore. Abbiamo volato in aereo da Montevideo in Uruguay a Bangkok in Tailandia. Una volta atterrati, abbiamo deciso di prendere un altro volo per Chiang Rai nel nord della Tailandia. Lì abbiamo incontrato i genitori di Julien e un paio di amici che viaggeranno con noi per tre settimane. Abbiamo visitato Chiang Rai e noleggiato uno scooter per un giorno. Fuori città ci sono molti templi e enormi Buddha. Il White Temple (tempio bianco) è il più famoso di Chiang Rai, la sua architettura è incredibile

LAOS

Abbiamo deciso di attraversare il confine con il Laos. Un tuk tuk ci ha portati al confine in poche ore. Nessun problema al confine, ci hanno chiesto solo i passaporti, la foto di un documento d’identità e il visto. Abbiamo raggiunto Luand Namtha in autobus dopo una sosta a Huoei Sai.
Abbiamo scoperto i dintorni in scooter. Ci siamo persi nelle montagne passando per piccoli villaggi dove la gente del Laos è molto generosa. Nel bel mezzo del nulla, l’unico modo per fare un pieno in quei piccoli villaggi è comprare la benzina dalla gente del posto che la vende in bottiglie di birra. Non è della migliore qualità, ma fa il suo mestiere!

Ci siamo diretti da lì a Luang Prabang in autobus. Un viaggio di 7 ore su strade tortuose in condizioni più o meno accettabili. La città attrae molti turisti in quanto si trova alle spalle del Mekong. Uno spettacolo al tramonto!
Noleggiamo alcuni scooter e andiamo a Vang Vieng. Imbocchiamo un piccolo sentiero accanto al Mekong. Ghiaioni e guadi per alcuni chilometri e poi un dissestato sentiero in salita. Una volta raggiunto Muang Nan, eravamo di nuovo sulla strada asfaltata. Tra le montagne, la vista era mozzafiato!


 
Una volta arrivati a Vang Vieng, abbiamo voluto visitare i dintorni, la città è famosa per le sue grotte. Abbiamo scelto di visitare la grotta Lusi raggiungibile percorrendo pochi chilometri a piedi. La grotta era un antro immerso con bellissime rocce dalle forme più disparate!
Siamo tornati a Luang Prabang con i nostri scooter e abbiamo visitato le cascate di Kuang Si. Il colore dell’acqua e la dimensione di queste cascate ci hanno lasciato senza fiato. Dopo un viaggio di 4 ore abbiamo raggiunto Nong Khiaw in autobus. Abbiamo visitato i piccoli villaggi nei dintorni, una grotta e fatto una nuotata in una cascata prima di tornare a Luang Prabang. Abbiamo passato un’ultima sera prima di salutare la famiglia di Julien e gli amici per poi riprendere l’aereo.

VIETNAM

Questa volta, ci siamo diretti in Vietnam! Abbiamo avuto alcuni problemi con i nostri visti. In effetti, per rimanere in Vietnam più di 15 giorni, c’è bisogno di un visto. Un visto elettronico è possibile ma purtroppo non siamo riusciti a riceverlo in tempo. Alcuni di noi hanno optato per ottenere un nuovo visto, data l’emergenza, presso l’ambasciata del Vietnam a Luang Prabang, e alcuni altri hanno optato per estendere il visto di 15 giorni una volta arrivati in Vietnam (cosa facile tramite un’agenzia di viaggi come Chapi ad Hanoi sulla 113 Nghi TAM).

Ad Hanoï abbiamo incontrato il fratello di Emilie e la sua ragazza per viaggiare insieme per il Vietnam nelle due settimane successive.
Siamo stati tre giorni ad Hanoï per visitare il quartiere vecchio, dove si trova una delle linee ferroviarie più pericolose; per poi scoprire il tempio della Montagna della Giada e il suo ponte rosso. Abbiamo scelto il treno come mezzo di trasporto per raggiungere Tam Coc, impiegando solo due ore e mezzo. Questa città è famosa per essere sul lato terra di Halong Bay. Abbiamo visitato la baia in barca e ci siamo goduti i magnifici dintorni dal belvedere di Mua Caves. È stato incredibile vedere i barcaioli remare con i piedi! Poi, ci siamo incontrati con un altro amico e abbiamo preso tutti insieme un autobus per raggiungere l’isola di Cat Ba – durata del viaggio 6 ore. Situata nella baia di Halong, ci siamo divertiti nella bellissima area presso la baia, abbiamo navigato tra le rocce con il kayak, abbiamo fatto immersioni in acque trasparenti e infine abbiamo passeggiato con le scimmie su Monkey Island. Abbiamo esplorato l’isola di Cat Ba in scooter e le strade, devo dire, erano ben asfaltate.

Abbiamo deciso di andare a nord. Dopo un viaggio di 10 ore in un autobus con le cuccette, siamo arrivati a Sa Pa. Abbiamo esplorato l’area facendo escursioni sotto il sole. La particolarità di questa zona è il campo terrazzato di riso. Verde e ondeggiante, lo scenario era mozzafiato. Dopo un paio di giorni siamo tornati ad Hanoï in un altro autobus con le cuccette per ritirare i passaporti con i visti estesi e per prendere il volo per Da Nang. Essendo il Paese abbastanza grande, volare è il modo migliore per recuperare tempo. Siamo stati nella città di Hoi An, famosa per le migliaia di lanterne che illuminano la città. Infatti, la città è molto turistica ma ha un fascino unico con tutte le lanterne, i fiori e le strade lastricate. È stato bello andare in bicicletta tra le strade variopinte.
Abbiamo preso degli scooter per spingerci un po’ più in là il giorno dopo. Una gita nella tipica “basket boat” nella giungla di cocco è stata una esperienza fantastica (queste barche sono chiamate “basket” (in inglese “cesto”) perché hanno la forma di un cesto).

Abbiamo preso un altro volo per andare nel sud del Paese, a Ho Chi Minh. Una volta atterrati, abbiamo raggiunto la città di Ban Tre dopo un viaggio in autobus di due ore. Situato accanto al Mekong, abbiamo avuto l’opportunità di vederene il retro: qui, il Mekong è molto importante per le fabbriche di cocco. Ogni giorno, decine di imbarcazioni trasportano migliaia di chili di noci di cocco fino alle fabbriche. Vengono prodotti corde, tappetini, carbone, fertilizzanti, souvenir, caramelle … ogni singola parte della noce di cocco viene utilizzata.
Dopo due giorni in questa zona, siamo tornati a Ho Chi Minh in autobus per scoprire questa antica capitale. Oggi, questa è una delle più grandi città del Vietnam, ricca di storia. Il Museo dei Resti della Guerra è stato per esempio molto interessante da visitare a proposito della guerra vietnamita e le sue conseguenze sulla salute del popolo vietnamita.

Dopo queste 6 settimane trascorse in Asia, è giunto il momento di prendere un volo di 21 ore per Riga in Lettonia, dove raccoglieremo i nostri sidecar.

 

GUARDA LA GALLERY

LEGGI ANCHE

IT – AreYouAnEXP

FOLLOW US

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI