Il confine della Bolivia a Copacabana è stato abbastanza facile da attraversare. Pochi minuti per notificare le autorità peruviane del nostro passaggio e qualche modulo da compilare per il visto di 30 giorni timbrato sul nostro passaporto. Per i side-car, abbiamo dovuto compilare un altro modulo, ma online. Dopo aver ispezionato i nostri veicoli e i documenti abbiamo ottenuto il lasciapassare della dogana ; in un’ora era tutto sistemato.

La nostra prima tappa boliviana è stata il villaggio di Copacabana. Costruito su una scogliera, il villaggio offre una splendida vista sul lago Titicaca. I primi chilometri in Bolivia, tra Copacabana e Tiquina sono stati mozzafiato, la vista sulle montagne circostanti e sul lago Titicaca è magnifica. Per attraversare il paese c’era da attraversare tutto il lago e per farlo abbiamo usato una piccola barca in legno vecchio. Una volta raggiunto l’altro lato abbiamo festeggiato il compleanno di Raphaël sul lungolago del Titicaca.
Siamo passati da La Paz per alcuni acquisti di meccanica ed abbiamo notato che è molto difficile per gli stranieri acquistare la benzina. In effetti, il governo boliviano sta vendendo benzina al prezzo di costo per i residenti. Tuttavia, il prezzo è ufficialmente molto più alto per gli “extranjeros” (tre volte il prezzo per i locali, il che significa circa 1 € al litro per gli stranieri). Inoltre, hanno solo la benzina senza piombo con un ottano di 85 e una pessima qualità. Tuttavia, i nostri veicoli hanno bisogno di almeno un ottano di 90, così abbiamo optato per l’acquisto di un prodotto per aumentare il numero di ottano e continuare così il nostro viaggio in Bolivia.


Ci siamo diretti verso il famoso Salar de Uyuni, il manto stradale qui è buono anche se non c’è nulla se non il deserto tra una città e l’altra.
A Uyuni abbiamo deciso di lasciare i sidecar nel villaggio per evitare di danneggiarli con il sale considerando che abbiamo sentito troppe storie di veicoli danneggiati nel Salar de Uyuni e abbiamo preferito non correre il rischio. Abbiamo raggiunto il Salar con un “collectivo” (autobus usato dai locali). Siamo andati all’Isla de Incahuasi, un’isola fatta di coralli e cactus. Tutto intorno un deserto bianco di sale, fin dove lo sguardo arriva… una vista mozzafiato. Ci siamo goduti il tramonto e l’alba dall’isola prima di rientrare al villaggio di Uyuni, dove abbiamo visitato il Cimitero dei Treni. Qui molti treni sono stati abbandonati e lasciati nel sud del paese, è stato a dir poco sconvolgente vedere questo tipo di “cimitero” nel mezzo del deserto.

In seguito, abbiamo deciso di andare con una guida in 4×4 nel sud di Lipez, un’area nel sud della Bolivia. Le strade sono in pessime condizioni e abbiamo preferito dare un po’ di riposo ai nostri sidecar. Anche questa zona è assolutamente magnifica ; abbiamo visto la Laguna Colorada, una laguna sfumata di rosso e un gran numero di fenicotteri rosa, i geyser, le Aguas Calientes con un bagno a 35° C e una vista su una laguna, il deserto di Dali che sembra uno dei dipinti del famoso artista e la Laguna Verde che prende il nome dalle sue sfumature. Dopo tutto questo spettacolo naturale abbiamo attraversato 200 km di deserto per raggiungere il confine peruviano, a Ollague.

 

GUARDA LA GALLERY

LEGGI ANCHE

IT – AreYouAnEXP

FOLLOW US

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI