1.500 KM DI SCENARI SPETTACOLARI

Il GIVI ANDES TOUR ci ha portato nelle regioni delle Ande Colombiane all’ombra della Cordigliera Centrale e del Sud, in 8 fantastici giorni di moto avventura dal 10 al 18 Settembre 2016. Scopri tutte le tappe del tour lungo 1.500 km, tra scenari spettacolari e sempre cangianti, percorsi alternativi su strade sterrate e panoramiche asfaltate piene di curve, passi montani fino ai 4.200 m d’altitudine e zone desertiche, con escursioni termiche dai 12 ai 40°C.

TUTTE LE SFUMATURE DEL VERDE

È stato un tour nello spazio, nel tempo e nella natura. Abbiamo visto il villaggio di Silvia popolato dagli indiani Guambia, il villaggio di Suarez abitato dai discendenti degli schiavi, e luoghi archeologici di antiche culture andine. Abbiamo percorso il Deserto del Tatacoa ricco di resti fossili e meta di astroturisti e attraverseremo in canoa il fiume Magdalena.
Abbiamo raggiunto i più alti passi montani all’ombra del Nevados del Ruiz, il vulcano dalle cime innevate, con le rovine del villaggio di Armero lasciate dalla grande eruzione del 1985. Ci siamo immersi in tutte le sfumature del verde nelle regioni dove viene prodotto il famoso caffè Colombiano, nelle Valli di Cocora e Cauca. Abbiamo incontrato Cali, capitale del mondo della Salsa celebre per avere le donne più belle. E abbiamo scoperto che i motociclisti viaggiatori come noi, fedeli alla loro moto, formano una tribù a parte.

PROGRAMMA

  • ARRIVO
    Calì

    • Arrivo a CALI.
    • Trasferimento al Marriot Hotel Cali
    • Briefing
    • Cena di benvenuto
  • DAY 1 . Il GIVI Explorer Andes Tour è finalmente iniziato
    Da Calì a Salento (260 km)

    Dopo il primo briefing e la consegna dell’abbigliamento a tutti i partecipanti, avvenuta in albergo sabato sera, domenica la carovana di 24 moto e due mezzi di supporto si è messa in viaggio per la prima tappa.Questa prima giornata, da Cali a Salento (260 km in totale) è servita per prendere confidenza con i mezzi e per “pulire” le gomme, che nei prossimi giorni saranno messe a dura prova dalle curve e dagli sterrati colombiani. Oggi purtroppo il tempo ha fatto un po’ le bizze e nel pomeriggio il gruppo ha dovuto affrontare un forte acquazzone che ne ha un po’ rallentato il passo ma è anche stata una perfetta occasione per testare con successo l’impermeabilità dell’abbigliamento Hevik in dotazione. Oltre alla bassa visibilità l’unico vero problema sono stati i segnali orizzontali, ovvero le decine di righe, frecce ed avvertenze impresse sull’asfalto: normalmente non creano problemi ma quando piove diventano delle vere e proprie saponette, rendendo la marcia delle due ruote estremamente pericolosa.
    Anche i caschi GIVI hanno oggi passato un test inatteso, ovvero quello di galleggiabilità. Mentre il gruppo stava attraversando con il traghetto il fiume Rio Cauca un inavvertito colpo di gomito ha spinto uno dei nostri HPS X.01 Tourer in acqua. Per fortuna un giovane che stava assistendo al traghettamento si è accorto dell’emergenza e si è tuffato immediatamente per recuperare il giallo trofeo!
    La giornata si è conclusa a Salento, l’antica capitale del caffè: per quasi due secoli un centro nevralgico nel commercio dei preziosi chicchi neri e oggi trasformatasi in una splendida meta turistica dal sapore un po’ hippy. La parte antica del villaggio si è conservata quasi intatta grazie anche al fatto che il pesante traffico di carri e camion che un tempo passavano di qui si è da anni spostato sulla moderna superstrada che passa a fondo valle.
  • DAY 2 . Le pendici delle Ande
    Da Salento a Honda (240 km)

    La seconda tappa del GIVI Andes Tour ha portato il gruppo da Salento a Honda, la destinazione più a nord dell’itinerario di quest’anno, per un totale di poco più di 240 km.
    La giornata è iniziata con la visita ad una delle tenute (che qui si chiamano “fincas”) dove viene coltivato il caffè: la Colombia è infatti il terzo produttore mondiale dopo Brasile e Vietnam, e il caffè è una delle maggiori risorse nazionali.
    Dopo aver gustato una buona tazza di “prima scelta, qualità arabica” il gruppo è risalito in sella per attraversare le pendici delle Ande, nella zona del ghiacciaio Nevado del Ruiz. Dopo un paio d’ore passate tra strade con curve veloci e perfettamente asfaltate (il sogno di ogni motociclista!) la pioggia ha fatto capolino. Un primo acquazzone ha rallentato il gruppo e lo ha accompagnato fino alla sosta pranzo, ma il peggio è arrivato al momento di affrontare l’ascesa a oltre 4.000 metri. Pioggia battente e nebbia hanno deciso di mettersi di mezzo e anche la temperatura è scesa velocemente, con il termometro che ha fatto registrare i 4° C proprio in cima al passo.
    Fortunatamente la discesa è stata meno “traumatica”, anche se resa stressante dalla presenza di molti camion rallentati dal maltempo.
    Destinazione finale di oggi, come detto, è stata la piccola e caldissima città di Honda (alle 7 di sera c’erano ancora oltre 30° C), che si trova a Nordovest della capitale Bogota. Qui sorge anche il ponte Navarro sul Rio Magdalena: è il primo ponte in ferro costruito in Sudamerica ed è stato messo in opera dalla stessa compagnia che ha realizzato il Golden Gate di San Francisco!.
    Nonostante il maltempo il bilancio della giornata è stato comunque positivo perché la qualità del percorso ha avuto la meglio sulle intemperie e tutti i partecipanti a cena non facevano altro che parlare di “staccate” e “angoli di piega”.
  • DAY 3 . Il fiume Rio Magdalena e il deserto Tatacoa
    Da Honda a Neiva (360 km)

    La terza giornata del GIVI Explorer Andes Tour è stata caratterizzata da altissime temperature e lunghi tratti in fuoristrada.
    Il percorso odierno ha portato il gruppo da Honda fino a Neiva (a sud), per un totale di quasi 360 Km risalendo il corso del fiume Rio Magdalena.
    Come detto il fuoristrada è stato protagonista di una buona parte dei chilometri dell’itinerario: dapprima un lunghissimo e polveroso sterrato, che ha messo a dura prova i partecipanti, e poi un secondo tratto decisamente più tecnico ma sempre scorrevole, quasi interamente all’interno del famoso deserto Tatacoa.
    In mattinata le guide del tour hanno voluto giustamente fermarsi a tributare un saluto alla memoria delle vittime del vulcano Nevado del Ruiz, la cui eruzione nel 1985 ha annientato la cittadina di Armero, nella provincia di Tolima. La tragedia è stata causata da una enorme valanga di fango generata dallo sciogliersi improvviso di una buona parte dell’omonimo ghiacciaio, venuto in contatto con la lava rovente. Purtroppo le vittime sono state quasi 20.000, rispetto ad una popolazione totale di 29.000 abitanti. Il sito del disastro è stato visitato anche da Papa Giovanni Paolo II.
    Nel pomeriggio il gruppo si è poi diviso, con solo la metà dei partecipanti che ha deciso di spingersi fino al deserto, allungando il percorso di ulteriori 70 Km.
    Alcune cadute ma soprattutto il caldo infernale (che ha sfiorato i 40˚C a più riprese) hanno costretto la restante parte dei partecipanti a scegliere un itinerario leggermente più breve e tutto su strade asfaltate.
    Chi però ha deciso di “tenere duro” e sfidare stanchezza, umidità e temperature infernali, è stato poi ripagato da una cavalcata indimenticabile tra la vegetazione colombiana fino a raggiungere le rosse concrezioni del deserto Tatacoa. Una esperienza indimenticabile che per molti rappresenterà sicuramente l’apice di tutto il viaggio.
    unplanned welcome party.
  • DAY 4. VERSO GLI ANTICHI VILLAGGI INDIANI
    Da Neiva a San Agustin (225 km)

    Dopo il caldo e il deserto di ieri, oggi il gruppo del GIVI Explorer Andes Tour ha affrontato una lunga e difficile giornata di guida sotto una pioggia incessante.
    La tappa odierna portava da Neiva a San Augustin, per un totale di 225 Km.
    La giornata è iniziata in ritardo, con la partenza spostata fino  alle 11 del mattino in attesa che riducessero gli incredibili scrosci che hanno martellato la zona di Neiva per tutta la notte.
    La tregua è purtroppo durata per meno di un’ora, e ben presto l’intero convoglio si è trovato avvolto in una nuvola d’acqua che ne ha rallentato il passo per via della scarsa aderenza e della limitata visibilità.
    Persino i due tratti di fuoristrada previsti per oggi sono stati completamente evitati, in quanto trasformati in profonde fangaie dal diluvio incessante.
    Bilancio della giornata dunque non esattamente positivo, anche se i paesaggi della Colombia non mancano mai di emozionare.
    I partecipanti sono arrivati ormai col buio a San Agustin, stanchi morti e bagnati fino al midollo, ma una buona cena e e la consapevolezza che domani sia prevista una giornata di riposo hanno risollevato il morale del gruppo.
  • DAY 5. LE STATUE MONOLITICHE PRECOLOBIANE
    Giornata “non-riding” a San Agustin

    Dopo la lunga giornata sotto l’acqua di ieri, il gruppo GIVI Andes Tour si è concesso oggi una giornata di meritato riposo.
    Non per questo però sono mancati gli spunti interessanti, culturali, tradizionali e culinari.
    Il villaggio di San Agustin è famoso per le sue statue monolitiche precolombiane, molto simili a quelle dell’Isola di Pasqua. Sono state scolpite nella roccia da una antichissima civiltà di cui ancora si sa poco o nulla, se non che era già completamente scomparsa molto tempo prima che in Colombia arrivassero i Conquistadores spagnoli.
    Mentre la maggior parte del gruppo ha visitato in mattinata i siti archeologici, qualche irriducibile ha voluto comunque risalire in moto e farsi un giretto in fuoristrada nella natura andina.
    Nel pomeriggio ci chi si è finalmente riposato, chi ha fatto un giro a cavallo e chi infine ha semplicemente passeggiato per le colorate vie del villaggio, sfidando qualche breve acquazzone.
    A cena invece ancora tutti assieme, per una cena tradizionale a base di coniglio e cury, un minuscolo maialino selvatico.
    Domani si ritorna in moto, sulla via per Popayan, la città bianca.
  • DAY 6. Le pendici del vulcano Puracé
    Da San Agustin a Popayan (135 km)

    La penultima tappa del GIVI Explorer Andes Tour ha portato il gruppo da San Agustin fino a Popayan, la “ciudad blanca”.
    I 135 Km totali del percorso sembrerebbero pochi a prima vista, ma oltre 50 erano in fuoristrada, attraverso le foreste alle pendici del vulcano Puracé ad oltre 3000 mt di altitudine.
    Una sfida che ha visto qualche caduta, una foratura ed alcuni cedimenti meccanici. Ma la giornata meravigliosa e i restanti 85 km di curve e tornanti attraverso un paesaggio meraviglioso hanno immediatamente fatto dimenticare a tutti le difficoltà della mattinata.
    Popayan prende il suo soprannome di “ciudad blanca” dal colore di un gran numero di chiese e di praticamente tutte le case coloniali del centro storico. È sede della più antica e famosa università colombiana, l’Universidad del Cauca, e ha contribuito in modo massiccio alla vita politica del Paese, dato che qui sono nati ben 17 presidenti della repubblica colombiani.
    Popayan, che è stata fondata nel 1537 dai Conquistadores spagnoli, era in realtà un villaggio indio risalente a diversi secoli prima. Negli ultimi anni ha ricevuto diversi riconoscimenti dall’UNESCO per la propria gastronomia ed alcuni eventi come la Processione della Settimana Santa, ma l’occhio attento nota che la maggior parte dei palazzi sono di fattura recente, pur conservando lo stile coloniale.
    L’intera città è stata infatti quasi completamente rasa al suolo da un terribile terremoto nel 1983.
    Rimane comunque un poso magico, pieno di vita e di giovani, il cui simbolo sono senza dubbio la Catedral Basílica de Nuestra Señora de la Asunción e il ponte Humilladero.
  • DAY 7. Silvia e i suoi pittoreschi abitanti
    Da Popayan a Cali (230 km)

    Oggi il gruppo ha percorso gli ultimi 230 Km del GIVI Explorer Andes Tour 2016.
    Una serie infinita di curve magnifiche ha accolto i viaggiatori fino al piccolo villaggio di Silvia, famoso per i suoi pittoreschi abitanti. In realtà sono membri delle tribù indigene che specialmente al sabato scendono in paese per il mercato, indossando i loro costumi tradizionali andini. Sono generalmente molto timidi e difficili da avvicinare, ma la vista di così tante moto tutte assieme ha generato in loro una tale curiosità da ammorbidirne la naturale diffidenza, e alla fine alcuni di loro si sono persino lasciarti fotografare in gruppo.
    Da li l’itinerario della giornata ha riportato il gruppo a Cali, origine e destinazione di questo Andes Tour.
    Come gran finale è stata offerta a tutti una cena di gala, con tanto di costumi tradizionali in omaggio per tutti e un’esibizione di salsa organizzata dall’ufficio locale dell’associazione Pro Colombia.

GUARDA LA GALLERY


Video teaser

Il team è in viaggio!

Team GIVI Colombia
  • JOSEPH PERUCCA

    FROM ITALY – GIVI Oversea Operational Director – Team Leader and Organiser

  • PIETRO ABROSIONI

    FROM ITALY – P.R. GIVI USA – Media and Write Up

  • STEVEN HUANG

    FROM CHINA – Beijing Modao Trade Co, Ltd – Givi Importer for China

  • LU FEI

    FROM CHINA – Beijing Modao Trade Co. Ltd – Givi Importer from China

  • KEKO OCHOA

    FROM SPAIN – Journalist

  • STEPHEN TOWSEND

    FROM USA – Journalist

  • HEZERI SAMSURI

    FROM MALAYSIA – Journalist

  • WISNI GUNTORO ADI

    FROM INDONESIA – Journalist

  • MICHAEL WILLIAMSON

    FROM COLOMBIA – Marshal Motolombia

  • IGOR PREDERI

    FROM ITALY – GIVI ITALY – R&D Department

  • NORBET CIBULKA AND EVA TAZIAROVA

    FROM SLOVAKIA – Norco Bikes – Givi Importer from Slovakia

  • JU-LEN LEOW

    FROM SINGAPORE – Journalist

  • SATVINDER SINGH KELAE

    FROM MALAYSIA – Public member

  • ZAMANI IBRAHIM

    FROM MALAYSIA – Public member

  • MARCO BOZ

    FROM PARAGUAY – Sport Car Import – Givi Importer for Paraguay

  • HARRY JANK H.TONGSEN

    FROM KOREA – Givi Importer for Korea

  • CIARAN PERUCCA

    FROM ITALY – Givi Italy

  • MARCELO GRIFA

    FROM ARGENTINA – Bycap – Givi Importer for Argentina

  • CLAUDIO ISRAEL

    FROM CHILE – Comercializadoras Jeremias – Givi Importer for Chile

  • SERGIO TAMAYO

    FROM CHILE – Comercializadoras Jeremias – Givi Importer for Chile

  • ALESSANDRO FORMICA

    FROM VENEZUELA – Gipper Venezuela – Givi Importer for Venezuela

  • ENRIQUE PERNIGON AND LILIANA GAITA

    FROM COLOMBIA – Comercializadoras Europea Bogotà Colombia – Givi Importer for Colombia

  • MIKE THOMSEN

    FROM COLOMBIA – Tour Leader Motolombia

  • LUIS PUERTO

    FROM COLOMBIA – Marshal Motolombia

  • DIANA PUERTO

    FROM COLOMBIA – Marshal Motolombia

  • ESTEBAN VELEZ

    FROM COLOMBIA – Marshal Motolombia

LE MOTO IN TOUR

BMW F700GS
BMW F800GS
BMW R1200GS
HONDA Africa Twin CRF 1000L
KAWASAKI KLR650
YAMAHA XT660R

IT – AreYouAnEXP

FOLLOW US

Newsletter subscription

NEWSLETTER SUBSCRIPTION

Terms and conditions


GIVI EXPLORER IS A GIVI PROJECT


Social

FOLLOW GIVI